80!Molteni - Ottant'anni di esperienza nelle nostre mani

“Una lunga corsa, con qualche ostacolo e molte sfide, dal 1934 a oggi. E la sensazione che non sia mai abbastanza… No, non basta più "saper fare”, ma abbiamo ogni giorno e in ogni dettaglio una magnifica ossessione, la qualità."

Anni '30-'40

Giuseppina e Angelo Molteni, Giussano

1934

Angelo Molteni, classe 1912, inizia la sua attività imprenditoriale a Giussano, oggi provincia di Monza e Brianza, distretto del mobile. La sua bottega artigianale diventa, in poco tempo, sinonimo di prodotto di alta qualità.

1947

Nella fabbrica di Giussano lavorano più di 60 collaboratori. L’azienda “Arredamenti di Angelo Molteni” è sempre meno bottega e sempre più industria.

Artigiani e collaboratori della ditta Arredamenti di Angelo Molteni

Anni '50

Werner Blaser, cassettone, prototipo

1955

Molteni partecipa alla prima “Mostra Selettiva – Concorso Internazionale del Mobile” di Cantù, con un progetto dell’architetto svizzero Werner Blaser, allievo di Alvar Aalto e assistente di Ludwig Mies van der Rohe, che vince il primo premio. Il cassettone, con il giunto geometrico a tripla forcella, è il primo prototipo di mobile moderno.

1959

Doppio podio alla Mostra Selettiva di Cantù, con i progetti di Yasuhiko Itoh e di Donato D'Urbino e Carlo Volonterio, due librerie che anticipano i tempi.

Yasuhiko Itoh, libreria, prototipoYasuhiko Itoh, libreria, prototipo
Catalogo: Gli anni della SelettivaCatalogo: Gli anni della Selettiva

Anni '60

Arrivano i primi macchinari acquistati in Germania, le presse a piani e l’essiccatoio, per produrre sempre di più, in modo industriale, mobili di qualità.

Angelo e Carlo Molteni in Birmania per acquistare il legno
Angelo e Carlo Molteni in Birmania per acquistare il legno

1961

Angelo Molteni è nel comitato fondatore del primo Salone del Mobile di Milano, che inaugura il 24 settembre 1961 con grande successo di pubblico.

Locandina del I Salone del MobileLocandina del I Salone del Mobile
Conferenza stampa del I Salone del Mobile di Milano. A destra, in primo piano, Angelo MolteniConferenza stampa del I Salone del Mobile di Milano. A destra, in primo piano, Angelo Molteni

1966

Biglietto di Auguri, Molteni Mobili.
Biglietto di Auguri, Molteni Mobili.

1968

1968. Tito Agnoli, Fiorenza, Campagna pubblicitaria 1972

È l’anno della rivoluzione: in pochi mesi, si converte la produzione dal classico al moderno, per realizzare mobili ben disegnati, pensati per la serie. Luca Meda, allievo della Scuola di Ulm, è l’uomo della rivoluzione, suoi i contenitori Iride presentati al Salone del Mobile nel 1968.

Luca Meda e Hans von Klier, serie IrideLuca Meda e Hans von Klier, serie Iride
Luca Meda e Hans von Klier, serie Iride Luca Meda e Hans von Klier, serie Iride

Anni '70

1973

A Giussano e Turate arrivano Afra e Tobia Scarpa. Per trent’anni, progettano edifici e arredi di successo, contraddistinti da dettagli di grande raffinatezza.

1974

1974. MOP Afra e Tobia Scarpa1974. MOP Afra e Tobia Scarpa

1975

Molteni&C entra nel mondo del Contract, con una fornitura di arredi in Arabia Saudita, che la porterà a essere leader indiscusso nelle grandi realizzazioni “chiavi in mano”.

1979

"Abbiamo fatto due ambasciate in Arabia Saudita e un grande albergo in Egitto: con quelle due esperienze, di fatto, è cominciato il contract anche per Molteni. [...] Da una parte si personalizza, dall'altra si standardizza, una doppia attitudine e visione."
Carlo Molteni

Ministero degli Interni di Taif in Arabia Saudita, arredato con divani e poltrone Z2, design Marco ZanusoMinistero degli Interni di Taif in Arabia Saudita, arredato con divani e poltrone Z2, design Marco Zanuso
Campagna pubblicitaria, Young&Rubicam
Campagna pubblicitaria, Young&Rubicam

Anni '80

1980

Arriva Aldo Rossi, una collaborazione che durerà quasi 20 anni, con progetti di grande successo, come la serie Teatro con Luca Meda, il mobile Carteggio, la sedia Milano.

1987

Aldo Rossi, disegnoAldo Rossi, disegno
Pubblicità letto TeatroPubblicità letto Teatro

1988

Luca Meda, CapotavolaLuca Meda, Capotavola
Sedia Teatro, armadio 7volte7, comò sere 1080 e letto Marlo 2 (foto Luigi Ghirri 1991)Sedia Teatro, armadio 7volte7, comò sere 1080 e letto Marlo 2 (foto Luigi Ghirri 1991)

Anni '90

La comunicazione Molteni&C si evolve con l'arrivo del graphic designer elvetico Felix Humm, che ridisegna il logo Molteni&C e crea una nuova veste grafica per la comunicazione istituzionale e commerciale.

Campagne pubblicitarieCampagne pubblicitarie
Campagne pubblicitarieCampagne pubblicitarie
Poster per il Salone del Mobile, Molteni&C e Unifor

1990

Con gli anni novanta Molteni&C propone un'idea di casa e vi costruisce intorno la propria comunicazione.

1993

Pierluigi Cerri inizia a collaborare con Molteni&C e Unifor sia per la comunicazione visiva che per gli stand ai Saloni.

Ingresso dello stand Molteni&C al Salone del Mobile
1994. Compasso d'Oro alla carriera.

1994

Molteni&C riceve il Compasso d’Oro alla carriera. “Tra i protagonisti della cultura italiana dell'arredamento”, recita la menzione della giuria, “ha saputo presentare un'offerta di prodotti disegnati con costante dignità, sicura qualità e ampia visione del contesto culturale”.

1994

Jean Nouvel progetta la Fondation Cartier a Parigi. Unifor realizza gli arredi. Nasce così la serie Less, un’icona del design nel mondo.

Jean Nouvel, serie Less, per Fondation Cartier pour l’art contemporain, Parigi

Anni 2000

2003

Inaugura il Gran Teatro La Fenice di Venezia, ricostruito da Molteni&C secondo progetti di Aldo Rossi.

Aldo Rossi, Gran Teatro La Fenice, Venezia, disegnoAldo Rossi, Gran Teatro La Fenice, Venezia, disegno
Gran Teatro La FeniceGran Teatro La Fenice

2004

Per sostenere l’espansione internazionale, Molteni&C crea la Divisione Imbottiti e, in pochi anni, si afferma tra i migliori produttori internazionali con i progetti di Patricia Urquiola, Ferruccio Laviani, Rodolfo Dordoni, Hannes Wettstein e Ron Gilad, per citarne alcuni.

Campagna pubblicitariaCampagna pubblicitaria
Stabilimento Molteni&C, divisione imbottitiStabilimento Molteni&C, divisione imbottiti
Flagship Store, Molteni&C Dada, New York

2008

La distribuzione si allarga oltre i confini italiani e diventa internazionale attraverso reti meglio organizzate. Aprono nuovi negozi dedicati al marchio: circa 600 nel mondo, di cui 40 flagship store, presenti anche nelle più grandi metropoli internazionali del design come Londra e New York.

Anni 2010

2012

Molteni&C presenta al Salone del Mobile la Gio Ponti Collection, arredi mai prodotti in serie dal grande architetto milanese, in collaborazione con Gio Ponti Archives.

Gio Ponti Collection Molteni&C
Ron Gilad, Glass Cube, Giussano

2014

Nel compound industriale di Giussano, inaugura Glass Cube, l’istallazione di Ron Gilad che reinterpreta i temi distintivi dell’identità aziendale. Tecnologia, arte e design si incontrano per dare vita a un percorso tra presente e futuro, ricco di suggestioni anche multimediali.

2015

Il Gruppo Molteni festeggia 80 anni di attività con una mostra alla Galleria d’Arte Moderna di Milano, 80!Molteni. Con un allestimento curato da Jasper Morrison e il progetto grafico di Studio Cerri & Associati, prototipi e arredi di tutte le aziende del Gruppo raccontano, per la prima volta, 80 anni di esperienza, qualità e innovazione. La mostra diventa il nucleo del Molteni Museum di Giussano.

Mostra 80!Molteni alla Galleria d’Arte Moderna Milano

    Select your country